Assicurazione da tifosi

Si dice che la Serie A è in declino rispetto a campionati come quelli spagnolo e inglese. Oltre che sul campo, il campionato italiano dimostra di essere rimasto indietro anche sugli spalti: da metà febbraio, infatti, i tifosi spagnoli hanno un motivo in più per seguire in tutta tranquillità le partite della squadra del cuore, l’assicurazione anti-infarto.

La Liga si assicura
La Bbva, banca iberica sponsor della Liga e della Segunda Division (equivalenti alla Serie A e alla Serie B italiane), ha comunicato di avere predisposto per tutti gli spettatori presenti allo stadio durante una partita delle due serie una polizza assicurativa globale anti-infarto. L’assicurazione coprirà automaticamente tutti i tifosi che entreranno nello stadio con regolare biglietto o con un qualsiasi abbonamento.

Copertura per 500mila persone
La polizza prevede indennizzi fino a 25mila euro in caso di morte o invalidità permanente provocati da incidenti cardiaci verificatisi da un’ora prima della partita fino al triplice fischio dell’arbitro. I tifosi, dunque, godranno della copertura anche negli spostamenti da e per lo stadio. Secondo i calcoli, la mega-polizza coprirà ogni fine settimana circa 500mila persone.

Un bisogno reale
Nonostante possa sembrare esclusivamente un’abile mossa pubblicitaria della Bbva, non sono pochi i casi di infarto che colpiscono i tifosi durante le partite della propria squadra. Già da tempo alcune ricerche mediche studiano le relazioni tra attacchi di cuore e grandi eventi sportivi. Uno studio svizzero del 2003, per esempio, ha rilevato un picco anomalo di infarti in coincidenza dei Campionati del mondo del 2002: mentre in Corea e Giappone le migliori squadre di calcio del mondo si sfidavano a suon di gol, negli ospedali di tutto il globo – durante il periodo delle partite – si sono registrati il 60% di ricoveri di infartuati in più della norma. Nel 2008 sono stati studi provenienti dagli Usa a rilevare uno strano aumento di aritmie, fibrillazioni, arresti cardiaci durante le finali del Super Bowl.

  • shares
  • Mail