Inps: conti ok

Il 2009 è stato un anno duro per l'economia globale, ma, guardando ai conti, le casse dell'Inps hanno tenuto e lasciano dormire sonni tranquilli ai futuri pensionati italiani.

Prova superata
Nonostante la spesa Inps per la previdenza sociale sia cresciuta, superando nel 2009 quota 173 miliardi di euro (cifra che vale l'11,32% del Pil), i conti dell'Istituto nazionale di previdenza sociale hanno fatto segnare un avanzo di 7,9 miliardi di euro. Un risultato considerevole, che ha portato il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, a esprimere grande soddisfazione e ad allontanare la prospettiva di ulteriori riforme del sistema pensionistico: "Abbiamo già compiuto riforme significative".

Un anno complesso
Eppure, il 2009 è stato un anno complicato per l'Inps, che ha dovuto impegnarsi a fondo soprattutto nel campo della protezione del reddito. A causa della crisi, infatti, nell'anno passato oltre 4 milioni di lavoratori hanno ricevuto qualche forma di sostegno del reddito (misure che hanno comportato un esborso di 18 miliardi di euro). Lo scorso anno, inoltre, è stato segnato anche da una profonda attività di contrasto alle irregolarità, costruita su oltre 200mila controlli sull'intero territorio nazionale per quanto riguarda le invalidità civili e un intenso programma di verifiche sulle aziende per combattere il lavoro sommerso. Da tali attività, nel 2009, l'Inps ha recuperato complessivamente 4,6 miliardi di evasione contributiva, con un incremento del 66% rispetto al 2008.

  • shares
  • Mail