I risultati degli stress test saranno pubblici

A breve, gli europei sapranno con certezza quanto sia solido l'istituto bancario cui affidano i propri risparmi. Non c'è ancora certezza sul "quando", ma pare ormai scontato che i risultati degli stress test sulle banche europee saranno resi pubblici.

Cos'è lo stress test
In parole povere, lo stress test è una procedura con cui si verifica la solidità patrimoniale delle banche. Dopo avere valutato le effettive attività di bilancio (scorporati, dunque, i titoli ibridi, i marchi e le eventuali attività immateriali), queste vengono rapportate alle azioni ordinarie, venendo a costituire così un indicatore di quanto incasserebbe un azionista se la banca venisse liquidata in un determinato istante.

Incertezza sui tempi e sui Paesi
La decisione sulla data e la modalità di pubblicazione dei risultati arriverà da una riunione tra Commissione Ue, Bce e Comitato europeo di vigilanza (Cebs). Se il presidente della Commissione Ue, Josè Manuel Barroso, afferma che la divulgazione arriverà entro luglio, il direttore generale della Banca d'Italia, Fabrizio Saccomanni, ritiene che la pubblicazione potrebbe essere "imminente". Per il momento, inoltre, non v'è certezza se tutti i Paesi membri dell'Unione Europea accetteranno di rendere pubblici i risultati dei test.

Esami per 25
Secondo quanto sottolineato da Barroso, in un primo momento saranno sottoposti a stress teste i 25 maggiori istituti di credito a livello trasnazionale. In una seconda fase, poi, l'esame potrebbe essere esteso all'intero sistema finanziario.

La serenità di Draghi
Di fronte alla notizia, Mario Draghi, governatore di Bankitalia, ha fatto mostro di tranquillità e serenità, ritenendo positiva la direzione intrapresa. Secondo il governatore, infatti: "Bisogna essere trasparenti con i propri clienti, che vogliono sapere dove investono, quali titoli acquistano e dove depositano i propri risparmi".

  • shares
  • Mail