Finlandia: la banda larga è un diritto

I Paesi scandinavi quanto a stato sociale sono da sempre all'avanguardia. Non stupisce, dunque, che ancora una volta arrivino per primi nel riconoscimento e nella garanzia di un diritto civile: la connessione alla banda larga.

Un nuovo diritto
Con l'inizio di luglio, in Finlandia ha trovato riconoscimento legale il diritto alla connessione alla banda larga. Per legge, dunque, tutti i cittadini finlandesi dovranno godere della possibilità di fruire del web tramite una connessione secondo).

Primo Paese al mondo a sancire formalmente la connettività al web come un diritto civile fondamentale, la Finlandia ha concluso in questo modo un iter legislativo avviato oltre otto mesi fa. Era il 16 ottobre, infatti, quando il governo approvò il provvedimento sfociato nel riconoscimento del nuovo diritto.

Intervento su una situazione comunque ottima
Purtroppo, visto dall'Italia, il passo compiuto dalla Finlandia sembra poco più che una formalità. Il 96% dei cinque milioni finlandesi ha già accesso alla banda larga. Il nuovo diritto fondamentale ufficialmente riconosciuto interesserà dunque il rimanente 4% della popolazione (circa duemila abitazioni). E questo non è che la prima fase del processo avviato dal governo finlandese: entro il 2015, infatti, per chi ne farà richiesta, la connessione da 1 megabit al secondo potrà trasformarsi in un'infrastruttura in fibra ottica o via cavo.

  • shares
  • Mail