Pacchetto Bersani, capitolo quarto: tassi e dintorni!

banche_bersani

E dopo i taxi parliamo di tassi.

L'articolo é il numero 10 "Condizioni contrattuali dei conti correnti bancari". (link al decreto)

1. L'articolo 118 del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, recante il testo unico bancario è sostituito dal seguente:

" 1. Nei contratti di durata può essere convenuta la facoltà di modificare unilateralmente i tassi, i prezzi e le altre condizioni di contratto qualora sussista un giustificato motivo.

2.Qualunque modifica unilaterale delle condizioni contrattuali deve essere comunicata espressamente al cliente per iscritto, secondo modalità immediatamente comprensibili, con preavviso minimo di trenta giorni.

3. Entro sessanta giorni dal ricevimento della comunicazione scritta, il cliente ha diritto di recedere senza penalità e senza spese di chiusura e di ottenere, in sede di liquidazione del rapporto, l'applicazione delle condizioni precedentemente praticate.

4. Le variazioni contrattuali per le quali non siano state osservate le prescrizioni del presente articolo sono inefficaci, se pregiudizievoli per il consumatore.

5. Le variazioni dipendenti da modifiche del tasso di riferimento devono operare, contestualmente in pari misura, sia sui tassi debitori sia su quelli creditori."

E mentre l'Adusbef denuncia il mancato adeguamento delle banche al decreto Bersani. "Sono obbligate dal decreto ad adeguare immediatamente i tassi dei conti correnti e dei depositi a risparmio con la variazione dei tassi d'interesse, ma continuano indisturbate ad adottare gli stessi comportamenti vessatori di prima, come se nulla fosse accaduto'' ha comunicato l'Associazione."; le Banche fanno sentire tramite l'ABI la loro voce. (leggi)

Particolarmente indigeste risultano le misure sulla variazione dei tassi attivi e passivi che "rischiano di ingessare il sistema delle Banche che ha bisogno di operare con elasticità sul mercato".

Dai consumatori intanto arrivano le prime proposte per migliorare il decreto legge per le banche la proposta é di "Prevedere l'obbligo per gli istituti di rispettare per una durata minima di 12 mesi, le condizioni contrattuali sottoscritte con il cliente."

  • shares
  • Mail