L'Authority sanziona COGEBAN per intesa restrittiva della concorrenza

cogeban_authority_bancomat

Della vicenda COGEBAN, l'associazione di imprese che ha lo scopo di sviluppare l'utilizzo del servizio Bancomat, ne avevamo già parlato. (leggi)

Ora l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, il 5 luglio scorso per essere precisi, ha deliberato che la Convenzione per la Gestione del marchio Bancomat (CO.GE.BAN) non ha ottemperato alla delibera con la quale Banca d'Italia imponeva la realizzazione di un sistema di pagobancomat orientato ai principi del "multibanca" entro il 1° ottobre 2005.

Sanzione, quindi, per intesa restrittiva della concorrenza all’interno del sistema.

La decisione arriva dopo che da marzo, (in seguito all'entrata della nuova disciplina sul risparmio che assegna all'Authority competenza esclusiva nel settore del credito) il garante aveva avviato un’istruttoria nei confronti dell’associazione bancaria (Abi) e di Co.Ge.Ban per accertare l’esistenza di un’intesa in grado di falsare la concorrenza nel mercato comune, con pregiudizio al commercio fra Stati membri in base all’articolo 81 del Trattato europeo.

L'inottemperanza di COGEBAN. impedisce agli esercenti convenzionati di adottare soluzioni in grado di ridurre i costi di partecipazione al circuito di pagamento Pagobancomat e dell'intero sistema dei pagamenti.

L'Autorità ha detto la sua anche sull'eliminazione dei costi di chiusura dei conti correnti e sulla "manovra bis" del Governo in merito all'Art.118 del Testo unico bancario che permette agli istituti la modifica unilaterale delle condizioni contrattuali dei c/correnti. (leggi)

  • shares
  • Mail