Nel 2010 recuperati più di 25 milioni di tasse

Sono più di 25 miliardi i soldi delle tasse recuperati nel 2010 dall'Agenzie delle entrate, Inps ed Equitalia. Queste strutture giustamente celebrano un ottimo risultato sul fronte del recupero del gettito, ma se osserviamo con attenzione come sono suddivise queste somme, vediamo che per lo più si tratta di correzioni e recuperi, ma quasi mai sono stati individuati gli "evasori totali", quelli che le tasse non le hanno mai pagate e mai le pagheranno.

L'Agenzia delle entrate ha recuperato 10,5 miliardi (+15% rispetto al 2009) dai controlli formali e dal recupero dell’evasione fiscale, mentre 6,6 miliardi arrivano da minori crediti d’imposta, su cui sono aumentati i controlli. L'Inps invece ha ritrovato
6,4 miliardi (+12%) dall’evasione contributiva, mentre 1,9 miliardi (+ 19%) arrivano per gli Enti locali da Equitalia.

Oltre agli incassi sono aumentati anche i versamenti diretti (+ 18% per l’Agenzia delle Entrate e +9% per l’Inps), cioè i casi in cui i cittadini hanno accettato di pagare di fronte a una segnalazione, per non arrivare alla cartella. Spesso però si tratta di una scelta obbligata, perché di fronte a poche decine di euro di tassa si dovebbe pagare ben di più per contestare le segnalazioni. Ma i veri evasori sono ancora ben nascosti.

  • shares
  • Mail