La casa rallenta: meno compravendite nel 3° trimestre 2010

La crisi c'è davvero se persino un settore come la casa, che in Italia "tira" sempre, non recupera terreno, anzi continua a mostrare segni di debolezza. Secondo le rilevazioni Istat, nel terzo trimestre del 2010 in Italia le compravendite immobiliari sono calate del 3,4% rispetto allo stesso periodo del 2009, a quota 168.933. Per il 93,6% (158.122) si tratta di immobili a uso abitazione e accessori, il 5,7% (9.659) unità immobiliari a uso economico. In particolare nel Sud la diminuzione è stata ancora più accentuata: -11%.

Il terzo trimestre è sempre un periodo particolare, per via delle ferie estive, ma il 2010 doveva segnare una ripresa rispetto al calo del 2009: invece se si manterranno le posizioni sarà già un conquista. Nei primi nove mesi del 2010, presi complessivamente, le compravendite (586.801) sono aumentate leggermente (+0,6%) rispetto allo stesso periodo 2009 (583.459).

Le grandi città e in genere il Nordovest hanno mantenuto le loro posizioni e anche nei prossimi anni potrebbero dare risultati complessivamente positivi per gli investitori.

  • shares
  • Mail