Manovra: Pressione fiscale record al 44,1% nel 2014

Le conseguenze sulle nostre tasche delle misure introdotte nella manovra correttiva si faranno sentire soprattutto a partire dal 2014 e saranno un'autentica stangata. Il taglio lineare complessivo del 20% di tutti i bonus fiscali rischiano di colpire tutti i redditi, senza riguardo per quelli più bassi, ma soprattutto rappresenteranno un boom per la pressione fiscale. La stima è della CGIA di Mestre, il calcolo impietoso: fra tre anni la pressione fiscale salirà al 44,1%, percentuale record di sempre.

Come era facilmente preventivabile, la manovra correttiva farà aumentare la pressione fiscale a livelli record mai toccati in passato. Nel 2014 salirà addirittura al 44,1%. Una vera e propria stangata. Se le previsioni prima della manovra correttiva ci segnalavano una pressione fiscale, nel 2014, al 42,5%, il decreto entrato in vigore in questi giorni farà impennare il carico fiscale al 44,1%. Un 1,6% in più, rispetto alla previsione pre-manovra, che fa veramente paura. Fra tre anni se il Pil non subirà una vera e propria impennata, avremo un differenziale di + 0,4% rispetto al 1997. Un record del quale sicuramente non sentivamo il bisogno.

Il precedente "record" era quello dell'anno 1997 con l'introduzione dell'Eurotassa del Governo Prodi, un una tantum che portò la pressione fiscale al 43,7%. Questo genere di primati sono quelli che servivano meno ai contribuenti italiani.

  • shares
  • Mail