Il Tfr in busta paga, un coro di no

Il governo lavora all'inserimento della liquidazione direttamente nella busta paga dei lavoratori. L'ipotesi al momento più accreditata è quella di spalmare il Tfr mese per mese, con l'obiettivo di stimolare i consumi
Il governo lavora all'inserimento della liquidazione direttamente nella busta paga dei lavoratori. L'ipotesi al momento più accreditata è quella di spalmare il Tfr mese per mese, con l'obiettivo di stimolare i consumi.

All'indomani dall'approvazione della manovra Umberto Bossi aveva detto: «Tremonti ha trovato un'idea sul Tfr per il raddoppio dello stipendio dei lavoratori», peccato che spalmando il Tfr, gli stipendi aumenterebbero al massimo 10% e non certo del doppio. Parlando ad un comizio a Ponte di Legno a Ferragosto, Bossi si è rivolto ai militanti: «Avrete una bella sorpresa fra poco, una grande sorpresa. Il Tfr in busta paga, prima che scompaia anche quello. Come avere due stipendi. L'ha pensato Tremonti, che quando va a casa sua c'è sua moglie che gli rompe le balle: Guarda che qui c'è la gente sempre più povera. Devi fare qualcosa. E qualcosa ha trovato».

La proposta però non ha trovato riscontri positivi nel mondo sindacale. Anche l'Ugl, sindacato vicino al Governo, ha criticato la proposta: "non puo' essere una manovra economica a decidere come e se spalmare il tfr, che rappresenta un patrimonio per ogni lavoratore e come tale deve essere preservato con l'attuale sistema di erogazione''. ''Siamo assolutamente contrari all'inserimento del tfr nelle buste paga, un'azione governativa che impoverisce ancor di piu' i ceti popolari, che fanno gia' fatica ad arrivare alla fine del mese. Per queste categorie cambiera' poco se si accumula una cifra irrisoria su ogni stipendio, invece sarebbe il caso che il tfr continuasse ad essere erogato alla fine della carriera lavorativa, in modo da sortire gli effetti del 'tesoretto' a cui ogni lavoratore attinge per rispondere ai fabbisogni familiari. L'Ugl ritiene che debbano essere i lavoratori stessi a deciderne eventuali modifiche''.

  • shares
  • Mail