Speciale Credito al Consumo, il credito sul conto corrente

Un piccolo vademecum a puntate su quello che si deve sapere sul credito al consumo
In materia di conti corrente che offrono al consumatore la possibilità di fare uno scoperto, la normativa sul Credito di Consumo prevede degli obblighi: il creditore deve comunicare immediatamente al consumatore che il conto ha un saldo negativo, a quanti euro ammonta, il tasso debitore applicato, le penali, le spese e gli interessi di mora applicabili.

Le banche non possono più modificare unilateralmente i contratti. A meno che non sussista un motivo giustificato, gli istituti di credito non possono variare i tassi d'interesse, i prezzi e le altre condizioni definite nel contratto stipulato con il cliente. Se anche sono fatte delle variazioni, la banca deve comunicarle al consumatore con almeno due mesi d'anticipo. Se il consumatore non esercita il diritto di recesso, allora le modifiche sono considerate approvate.

Domani proseguiremo il nostro approfondimento parlando di mutui e microcredito, tutte le news sull'argomento si trovono a questo link.

  • shares
  • Mail