I controlli sui conti correnti? Befera: “siamo in guerra”

Il numero uno dell'Agenzia delle Entrate: “Siamo in guerra. Il controllo sui conti correnti è una misura straordinaria e spero che si possa tornare alla normalità”.

I controlli del Fisco sui conti correnti degli italiani mandano in soffitta il segreto bancario. Ma per il direttore dell’Agenzia delle Entrate Attilio Befera non si poteva fare diversamente perché, in questa fase:

Siamo in guerra. Il controllo sui conti correnti è una misura straordinaria e spero che si possa tornare alla normalità.

Il capo degli 007 del Fisco ha parlato ai microfoni di Porta a Porta, che andrà in onda stasera. Dice Befera che un'evasione fiscale di 120-150 miliardi di euro:

è un'emergenza e qualcosa in questa guerra deve essere fatto, tutte le categorie evadono: dall'artigiano alle grandi banche.

E a proposito del nuovo registro di Equitalia Befera dice che la decisione di sospendere i pignoramenti sulla prima casa:

È un sollievo

Il direttore dell'AE ammette che in questa fase di crisi Equitalia:

in alcuni casi ha errato, esagerato.

Secondo l'Agenzia, le imposte non pagate in Italia sono pari a 545 miliardi di euro. Se ne può incassare solo:

una parte residuale. Questi soldi non sono incassi persi, sono incassi che non sarebbero mai avvenuti.

Perciò il Fisco:

svaluta l'82% dei propri crediti iscritti a ruolo (...); se la lotta all'evasione fosse iniziata qualche decina di anni fa non saremmo in questa situazione.

L'evasione fiscale nel Belpaese rappresenta il 21% del Pil rispetto a una percentuale che nel resto d’Europa si attesta al 13-14%.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: