Industria: il fatturato cresce dello 0,1% a maggio

L'Istat: rispetto a maggio del 2012 l'indice grezzo del fatturato scende però del 5,4%.

Il fatturato dell’industria italiana fa registrare a maggio 2013 un incremento dello 0,1% rispetto ad aprile, al netto della stagionalità. A renderlo noto è l’Istat nella consueta rilevazione mensile. La variazione è in realtà nulla sul mercato interno ma c’è un aumento dello 0,5% su quello estero.

Facendo la media degli ultimi tre mesi, l’indice segna un calo dell’1,6% sul trimestre precedente: l’agognata ripresa dell’economia, che dovrebbe concretizzarsi tra il II e il III trimestre dell’anno secondo il ministro dell’economia Saccomanni, appare ancora lontana.

Se corretto per gli effetti di calendario (22 giorni di lavoro, come a maggio 2012) il fatturato totale diminuisce su base tendenziale del 5,1% con una flessione dell'8,3% sul mercato interno e un aumento dell’1,7% su quello estero.

Più in dettaglio gli indici destagionalizzati del fatturato registrano cali congiunturali del 13,1% per l'energia e un -0,8% per i beni intermedi, ma sono in aumento gli indici relativi ai beni strumentali (+6,3%) e a quelli di consumo (+0,3%). L'indice grezzo del fatturato in ogni caso scende, rispetto a maggio 2012, del 5,4%, diminuzione causata in larga parte dalla componente interna dell'energia.

Il solo incremento tendenziale del fatturato, ancora corretto per gli effetti di calendario, riguarda la produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (+4,2%). La flessione più pesante invece è quella relativa al settore della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (-24,2%).

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail