Contributi salati per gli infermieri

Contributi salati per gli infermieri
Contributi più salati per gli infermieri liberi professionisti. Fresca di approvazione dal consiglio di indirizzo generale, la riforma della cassa di previdenza degli infermieri (Enpapi) sarà trasmessa «a metà ottobre ai ministeri vigilanti», dichiara il presidente Mario Schiavon, che attende un parere positivo a breve, «affinché le misure, finalizzate al miglioramento dell'adeguatezza delle prestazioni, entrino in vigore dal 1° gennaio 2012».

L'ente ha giudicato opportuno intervenire sulla contribuzione integrativa, fissandola al 4% in modo che il versamento, calcolato sul volume d'affari conseguito, vada per il 2% all'incremento del montante e per il 2% al fondo per spese di gestione e solidarietà.

«Abbiamo fatto una valutazione sul tasso di sostituzione, perché chi lavora per un'intera vita porti a casa oltre il 60%», continua, rassicurato dall'esito degli studi tecnici, secondo cui con l'applicazione del regime ideato si andrebbe dall'attuale 27% a un futuro 62%.

Ineludibile un ritocco al contributo soggettivo, da compiere attraverso un innalzamento progressivo, in cinque anni, dell'aliquota dal 10% fino al 16% del reddito netto; l'incremento percentuale sarà di due punti per il primo anno e di uno per i successivi, con la possibilità di procedere a un riscatto facoltativo, per adeguare alla nuova regolamentazione gli anni versati.

Via Ansa.

  • shares
  • Mail