Piazza Affari chiude in leggero ribasso | Spread ai minimi da giugno

Ai mercati interessava che la sentenza della Cassazione sul Cav non aprisse un’autostrada per il ritorno alle urne.

Le borse europee chiudono perlopiù deboli una seduta diventata nervosa dopo l’avvio negativo nel primo pomeriggio di Wall Street, in scia ai dati sull'occupazione Usa inferiori alle attese a luglio. Londra chiude in calo dello 0,5%, Francoforte e Parigi rimangono invariate, Madrid sale dello 0,4%

Sulla piazza finanziaria di Milano l’indice principale Ftse Mib chiude in ribasso dello 0,23% a 16.779,19 punti, il Ftse All Share lascia invece sul terreno lo 0,08% a 17.853,13 punti, per un totale di volumi scambiati di circa 1,8 miliardi di euro.

Telecom a fine giornata cede il 4,23% a seguito della diffusione dei risultati semestrali e il taglio delle previsioni sull'ebit, mentre il presidente Franco Bernabè ancora oggi ha dovuto smentire un aumento di capitale. Mediaset perde invece il 2% dopo la semestrale e la sentenza di condanna in via definitiva di Berlusconi per frode fiscale nel processo sui diritti tv.

Ai mercati, azionari e obbligazionari, interessava che il verdetto non aprisse un’autostrada per il ritorno alle urne, prospettiva che nell’immediato sembra allontanarsi.

Il secondario, più sensibile del mercato azionario ai dato macro e alle tensioni politico-istituzionali, sembra aver tratto anzi beneficio dalla sentenza degli ermellini: lo spread Btp-Bund chiude oggi a 260 punti base, ai minimi da inizio giugno, con il rendimento del Btp decennale in calo al 4,25%.

Borsa Milano gira in negativo. Spread in calo


Piazza Affari

apre poco mossa per poi virare in negativo (-0,48%) il giorno dopo la sentenza della Cassazione su Silvio Berlusconi, con la condanna confermata per frode fiscale e l’interdizione dai pubblici uffici da rideterminare. Il resto dei maggiori mercati europei ha aperto gli scambi in discreto rialzo sull’onda lunga delle rassicurazioni sul prosieguo della politica monetaria espansiva da parte delle banche centrali Usa ed europea. A metà mattinata gli investitori mostrano però più cautela in attesa di conoscere il dato Ue sui prezzi alla produzione.

Mediaset ha ceduto il 4,33% in avvio di contrattazioni ma è poi girata in positivo, per una sentenza che comunque non influisce in alcun modo sugli assetti societari ed economico-finanziari del Biscione. Piuttosto nel primo semestre dell'anno il titolo ha registrato un utile di 30,1 milioni contro i 42,8 milioni dello stesso periodo dell'anno scorso. Telecom va giù dello 0,78% dopo la pubblicazione dei risultati semestrali.

Sul fronte obbligazionario continua la schiarita: lo spread Btp/Bund apre in calo a 267 punti base, dai 270 della chiusura di ieri. Il rendimento del decennale del Tesoro scende così al 4,36% dal 4,369%.

(in aggiornamento)

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail