Black out sportelli postali, ci risiamo

Black out sportelli postali, ci risiamo
Nuovo tilt del sistema informatico di Poste italiane venerdì scorso e gli occhi sono ora puntati ad oggi quando inizierà lo sciopero degli straordinari proclamato dai sindacati.

La denuncia arriva da segretario generale della Cisl Poste, Mario Petitto. "

Così non possiamo piu' andare avanti. Ancora una volta questa mattina il sistema informatico delle poste è andato in tilt, con gravi ripercussioni per gli utenti e grave disagio per i lavoratori in tutta Italia oggi ci sono state lunghe code agli sportelli delle poste per il ritiro della pensione e proteste contro l'azienda in tanti uffici a causa di un nuovo black- out dei servizi informatici. I lavoratori sono stanchi di subire insulti da parte dei clienti per responsabilita' che attengono esclusivamente al management e alla dirigenza di poste. Speravamo che dopo quello che era accaduto a giugno, il problema fosse stato risolto, invece il sistema informatico continua a non funzionare. Siamo preoccupati per l'immagine dell'azienda perche' il protrarsi di queste disfunzioni distrugge tutto quello che di buono hanno fatto in questi anni i lavoratori con grandi sacrifici". "Il Governo come azionista e l'azienda devono dare delle risposte immediate, altrimenti la situazione rischia di esplodere. Ci domandiamo che cosa accadra' da lunedi' prossimo quando comincera' lo sciopero degli straordinari che la Cisl poste ha proclamato insieme a tutti gli altri sindacati. Continuare a nascondere la testa sotto la sabbia di fronte ai problemi , come fa il management dell'azienda postale, strombazzando utili di bilancio e nuovi servizi - conclude - non corrisponde alla situazione reale in cui versano i servizi postali

Via Cisl.

  • shares
  • Mail