USA: Blackstone compra 32mila case pignorate e studia un bond garantito dagli affitti

La società finanziara americana scommette sulla ripresa del mercato immobiliare residenziale.

Blackstone, società finanziaria americana, colosso del private equity, sguazza nella crisi e acquista dal braccio finanziario della conglomerata General Electric la quota di maggioranza in 80 palazzi, per un operazione valutata 2,7 miliardi di dollari.

La più grossa sul mercato immobiliare dopo lo scoppio della bolla finanziaria dei mutui subprime in Usa. Da lì è partita la crisi economica che ha poi investito l'intera economia occidentale.

Gli edifici acquistati da Blackstone, 30mila unità abitative, si trovano in Georgia (ad Atlanta) in Texas (a Dallas) e in altre città della parte sud-orientale degli Usa. Il mercato immobiliare residenziale è tra i settore più vivaci in questa fase economica, e traina la ripresa, sostenuto dalla domanda di chi non può o non ha intenzione di comprare casa.

La società finanziaria statunitense con sede a New York, specializzata anche in investimenti immobiliari, ristrutturazione aziendali e hedge fund, scommette quindi sul mercato immobiliare. Blackstone dall’inizio del 2013 ha già acquistato 32mila case pignorate e sta mettendo a punto l’emissione del primo bond garantito da affitti residenziali.

Cos’è il private equity 


Comprende tutti gli investimenti in società non quotate su mercati regolamentati. Trattasi di un'attività finanziaria relativa a investimenti istituzionali in capitale di rischio. Investitori finanziari specializzati rilevano quote di una società target acquisendo azioni esistenti da terzi e/o sottoscrivendo azioni di nuova emissione apportando nuovi capitali all'interno della società target. La finalità è quella di far crescere il valore della partecipazione nel medio termine per realizzare un consistente capital gain all’atto della dismissione della stessa.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail