Cgia, solo l'81% della spesa è coperta dai contributi

Cgia, solo l'81% della spesa è coperta dai contributiIn attesa di conoscere con maggiore precisione le novità previste dal Governo in materia di pensioni di vecchiaia, la Cgia denuncia che solo l'80,9% della spesa previdenziale è coperta dai contributi versati dai lavoratori italiani.

Infatti a fronte degli oltre 258,37 mld di euro di spesa, il gettito contributivo è pari a 209,08 mld. In pratica, il deficit è di 49,29 miliardi di euro. A livello regionale, solo la Lombardia ed il Trentino Alto Adige registrano un saldo previdenziale positivo. Per ottenere queste conclusioni la Cgia di Mestre ha messo a confronto, per ciascuna Regione, la spesa pensionistica e i relativi contributi versati dai lavoratori a tutti gli enti previdenziali.

Dal confronto tra le singole situazioni regionali emergono dei forti squilibri tra Nord e Sud del Paese. Se solo la Lombardia (+2,65 miliardi di euro pari ad un tasso di copertura del 105,7%), ed il Trentino Alto Adige (+142, 5 milioni di euro pari ad un tasso di copertura del 103,5%) hanno un saldo previdenziale positivo, il Lazio (95,4%) si conquista il gradino piu' basso del podio. Subito dietro, il Veneto (94,2%), la Valle d'Aosta (83,8%), l'Emilia Romagna (83,4%) e il Friuli Venezia Giulia (74,9%).

Drammatica la situazione al Sud: esclusa la Liguria (penultimo posto con una copertura del 56,4%) gli ultimi posti in classifica sono ad appannaggio delle regioni meridionali. Terz'ultimo posto alla Puglia (copertura del 58,9%) e, fanalino di coda, la Calabria (54,1%).

Via Cgia.

  • shares
  • Mail