La top ten dei Paperoni di Borsa per il 2013

Primo il presidente di Luxottica Leonardo del Vecchio. Silvio Berlusconi al sesto posto, dall'undicesimo di un anno fa. La classifica di Milano Finanza.

Il paperon de' paperoni di Piazza Affari per l’anno 2013 è Leonardo Del Vecchio, patron di Luxottica. Il fondatore e presidente della più grande azienda di occhiali da sole del mondo è il numero uno della speciale classifica Paperoni di Borsa stilata da Milano Finanza e in edicola oggi. Del Vecchio:

"ha un patrimonio quotato pari a 15,2 miliardi grazie alle quote in Luxottica, Beni Stabili, Foncière des Regions, Generali, Unicredit e Molmed".

Grazie:


"al rally ancora più robusto di Luxottica le partecipazioni di Del Vecchio si sono rivalutate di oltre il 40%".

Del resto secondo Forbes è il secondo uomo più ricco d'Italia, subito dopo Michele Ferrero. Il boss di Luxottica scalza quest’anno dalla prima posizione la famiglia Rocca, mentre Silvio Berlusconi torna nei primi dieci posti.

Al secondo posto della top ten di MF abbiamo Miuccia Prada e Patrizio Bertelli che hanno visto crescere il loro patrimonio quotato del 27% negli ultimi 12 mesi (da 11,4 a 14,5 miliardi di euro) sopratutto grazie alla crescita del titolo quotato alla borsa di Hong Kong.

Al terzo posto scivolano, si fa per dire, i fratelli Paolo e Gianfelice Rocca, con una ricchezza in azioni Tenaris per 11,9 miliardi di euro, contro gli 11,5 miliardi di un anno fa. Quarti i Benetton, quinti i Besnier di Parmalat, sesto Silvio Berlusconi soprattutto per la crescita di Mediaset (+120%) e di Mediolanum, settimi i Boroli-Drago. “Solo” in ottava posizione gli Agnelli con Exor, noni Diego e Andrea Della Valle, mentre la famiglia Ferragamo è decima.

I primi 400 azionisti privati di Piazza Affari hanno un capitale potenziale quotato di 100 miliardi, +75,7 miliardi rispetto a un anno fa, e ciò grazie alla performance della borsa meneghina, con un listino che da agosto 2012 ad agosto 2013 si è apprezzato del 26%.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail