IW Bank, quando il conto si ricarica!

Iw Bank ricarica

Ci si lamenta spesso di come nel settore bancario ci sia troppo poca concorrenza (quando non si parla di monopolio) tanto che ammonterebbero a circa 8 miliardi di Euro le risorse che istituti di credito ed assicurazioni sottraggono al sistema economico a causa delle condizioni di scarsa competizione.

Discorso che non vale invece per IW Bank che ha deciso di rischiare grosso quest'anno, scegliendo la coraggiosa strada della pubblicità comparativa e sfidando in singolar tenzone niente-popò-di-meno che Ing Direct. (l’avevamo intervistata a luglio, vi ricordate?)

La pubblicità comparativa non è molto comune nel campo bancario e ancor meno lo é in Italia. Quindi, almeno due applausi IW Bank li strappa per la sua scelta coraggiosa, il primo perché l'avversario che si é scelto non appartiene alla categoria “pesi piuma”, il secondo perché ha osato rischiare quando tutti invece si sono tirati indietro. Giocare sulla notorietà del competitor poi é una tecnica che, sebbene collaudata, garantisce un risultato considerevole in termini di impatto e di visibilità.

E per restare in argomento, sempre da IW Bank, é arrivato il nuovo conto IW Smile. A prima vista sembra davvero conveniente. L'apertura, la tenuta e la chiusura del conto sono gratuite. Costo zero anche per i giroconti, sia che vengano effettuati da clienti IW Bank che provenienti da altre banche. Zero Euro anche per i trasferimenti verso l’Italia e verso i paesi Ue (che diventano 15 Euro se diretti verso i paesi trasfrontalieri). Il limite massimo di disponibilità caricabile sul conto é di 12.500 Euro e le ricariche sono gratuite. Sono gratuiti anche i pagamenti verso gli altri clienti mentre si deve sganciare 1€ per il pagamento delle bollette e 1,5 € per il pagamento del canone rai. Gratuite le domiciliazioni delle utenze e le ricariche dei cellulari.

Veniamo alle note dolenti. IW Smile non é un vero e proprio c/corrente tradizionale ma si tratta di un c/c di moneta elettronica e pertanto non è remunerato. Proprio per questo i soldi “caricati” su questo c/c non sono coperti da garanzia in caso di fallimento, cosa che invece avviene per i c/c tradizionali. E per la famigerata modifica delle norme e delle condizioni economiche del conto? Diritto di recesso entro 60gg a costo zero dalla comunicazione che può essere effettuata anche via e-mail.

Una piccola aggiunta, quelli di IW in fatto di comunicazione si sanno distinguere dalla massa, infatti chi volesse chiedere informazioni può rivolgersi alla chat (come ho fatto io): funziona e gli operatori sono cordiali e pronti a rispondere ad ogni vostra domanda. Da segnalare anche il Blog. Bravi!

  • shares
  • Mail