Piazza Affari teme la caduta di Letta: Borsa Milano -2,1% | Spread sotto quota 250

Lo spread Btp/Bund decennali chiude in rialzo a 249 punti base.

Piazza Affari chiude in deciso calo una seduta condizionata dallo spettro di una non improbabile crisi di governo, con il Pdl che punta i piedi sulla impossibilità di dare seguito alla decadenza da senatore di Berlusconi dopo la condanna della Cassazione alla pena accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici. Mediaset termina in calo del 6,25%. Male anche il comparto bancario, in scia alla risalita dello spread.

L'indice Ftse Mib cede alla fine il 2,1%, a 16.977 punti, l'AllShare perde il 2,08%. Scambi che ancora risentono della stagione estiva, con gli investitori esteri praticamente assenti, per un controvalore di 1,2 miliardi di euro circa.

Un trader all’agenzia Reuters dice:

"Questa mattina c'era un po' di aria pesante, tutti avevano fretta di vendere. Ma la verità è che il mercato è poco liquido. Oggi, per la festività a Londra, gli italiani sono più presenti degli esteri e sono quelli più sensibili e che temono di più la variabile politica. Gli esteri che hanno alimentato il rally di agosto erano assenti”.


Chiudono contrastate le altre maggiori borse europee, con Londra ferma per il bank holiday. Francoforte guadagna lo 0,22%, Parigi chiude poco mossa e Madrid cede lo 0,42%.

Sul mercato del debito sale la tensione sui Btp, legata alla contingenza politica interna: il differenziale Roma/Berlinpo chiude a 249 punti base dopo aver superato i 250 intraday. Il rendimento del titolo di medio-lungo termine italiano sale così al 4,38%, dal 4,33% della chiusura di venerdì.

Borsa Milano giù del 2% su timori crisi di governo

I timori per i destini del governo di larghe intese si fanno sentire più sul mercato azionario che sul secondario, di solito maggiormente sensibile alla variabili politico-istituzionali. Alla borsa di Milano a metà mattinata l’indice principale Ftse Mib tocca il minimo intraday sotto i 17.000 punti, cedendo l'1,99%.

Lo spread Btp-Bund intanto sale a 246 punti base, più 2 dall’apertura.

Borse europee deboli. Piazza Affari cede l’1%


Partenza debole per le principali borse europee con Piazza Affari che dopo circa un’ora di contrattazioni cede l'1%, sotto quota 17.200 punti.

L’indice benchmark Ftseurofirst 300 è piatto nella giornata in cui il maggior mercato continentale, Londra, è chiuso per festività.

I timori di un’eventuale crisi di governo non sembrano avere, almeno finora, particolari riflessi negativi sul secondario italiano con lo spread Btp/Bund che apre comunque in rialzo a 244 punti, più 6 dalla chiusura di venerdì, con tasso sul decennale del Tesoro in crescita al 4,35%.

(in aggiornamento)

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail