Nel 2011 "beccati" 7500 evasori totali


50 miliardi di euro di redditi non dichiarati, 8 miliardi di Iva evasa, 12 mila cittadini coinvolti, 7500 evasori totali. Sono questi alcuni dei numeri che riassumono il lavoro della Guardia di Finanza nel 2011 nella sua missione di contrasto all'evasione fiscale. Sorprende (in negativo ed insieme in positivo) il numero di soggetti scoperti che erano "completamente sconosciuti al fisco": i 7500 contribuenti infedeli (aziende e liberi professionisti) avevano nascosto all'erario redditi per 21 miliardi di euro, una cifra impressionante pari ad una manovra finanziaria.

La Gdf ha potuto constatare il sempre florido fenomeno dell'evasione internazionale riferita a quelle società o quelle aziende che trasferiscono la propria sede all'estero fittiziamente per sottrarsi alle imposte italiane, il fenomeno vale quasi 11 miliardi di euro non dichiarati e sui quali gli evasori pagano (spesso non pagano) le tasse all'estero.

Il lavoro svolto ha portato risultati immediati e nel 2011 sono stati 900 milioni di euro sequestrati nell'ambito delle indagini. Secondo il report la Guardia di Finanza è in crescita anche la qualità degli accertamenti vista la percentuale del 96% di casi nei quali l'Agenzia delle Entrate si è limitata a riportare ai contribuenti i rilievi effettuati dai finanzieri.

Fra i 12 mila soggetti denunciati sono 2000 quelli che avevano omesso di presentare la dichiarazione dei redditi, altri 2000 quelli che avevano nascosto e distrutto volontariamente documenti contabili e 1981 i soggetti accusati di false fatturazioni. Sul fronte del lavoro nero sono stati scoperti 12.676 collaboratori in nero, 2500 di questi sono extracomunitari.

Foto | © TM News

  • shares
  • Mail