Enrico Cucchiani, CEO di Intesa su Telecom: "Nazionalità dei partner non importa"

Enrico Tommaso Cucchiani, Consigliere delegato e Chief Executive Officer di Intesa Sanpaolo, auspica e chiede al mondo politico riforme "per il bene di tutti".

Aggiornamento 14:00 - Su Telecom si è espresso anche il Presidente del gruppo Franco Bernabè:

"Telecom Italia non è oggetto di scambio: non serve un azionista industriale bensì un progetto industriale che poi, eventualmente, vedrà la partecipazione di un nuovo azionista."

Riforme in fretta. E' quanto auspicato dall'AD di Intesa Enrico Tommaso Cucchiani il quale, dopo aver "desiderato" (anzi, fortemente caldeggiato) un governo Monti-bis, chiede oggi alla politica un pacchetto di riforme strutturali che permettano una rapida uscita dalla crisi, che nel settore bancario resta ancora ad un livello di alto rischio.

L'AD di Intesa, intercettato oggi a margine del Workshop The European House - Ambrosetti a Villa d'Este, ha anche parlato di Telecom e della ricerca di nuovi partner, anche nel panorama internazionale:

"Non è importante la nazionalità di un eventuale partner di Telecom Italia perchè quello delle telecomunicazioni è un settore globale."

Intesa Sanpaolo dunque, che è azionista del 22% della holding Telco, la quale a sua volta controlla Telecom, parrebbe guardarsi intorno con il più ampio respiro possibile.

"Il presidente Telecom si è impegnato a presentare soluzioni a breve, dobbiamo aspettare."

ha dichiarato ai giornalisti presenti a Cernobbio l'AD di Intesa, non sbottonandosi in alcun modo su eventuali nomi di possibili nuovi partner per il colosso italiano delle telecomunicazioni.

Restano aperti i giochi dunque per il tycoon egiziano Naguib Sawiris, per AT&T e America Movil: qualche novità potrebbe emergere dal meeting del 19 settembre tra il Presidente Bernabè e lo stesso Cucchiani.

Piccato brevemente su altri temi Cucchiani, che lo scorso anno definiva "fondamentale e probabile" un governo bis del Professore, ha auspicato riforme strutturali ed economiche per avviare un reale percorso di crescita economica.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: