Roma la provincia più indebitata d'Italia


Ogni famiglia italiana ha in media un debito di 19.981 euro. Si tratta di un dato in continua crescita dal 2008, quando è esplosa la prima crisi finanziaria, e che ha punte anche più "preoccupanti" in alcune zone d'Italia. Secondo i dati dell’ufficio studi della Cgia di Mestre le famiglie più indebitate sono quelle residenti a Roma e provincia con una media che sfiora quota 30 mila euro attestandosi a 29.287 euro. L'indebitamento complessivo dei nuclei familiari italiani ha raggiunto quota 503 miliardi di euro sommando i mutui per la casa e i prestiti personali di minore entità.

Nella classifica, subito alle spalle di Roma, troviamo la provincia di Lodi con 28.470 euro e quella di Milano con 28.251 euro. La ragione è certamente nel maggior costo degli immobili che induce quanti riescono a permettersi una casa ad indebitarsi per una cifra maggiore, la conferma arriva dal fatto che in fondo alla graduatoria si trovino tutte province del sud Italia e meno popolose come quella di Vibo Valentia (9.342), Enna (8.845 euro) e la provincia sarda dell'Ogliastra (8.593 euro).

Il dato più preoccupante è l'incremento dell'indebitamento che dal 2008 al 2011 ha fatto registrare in alcune zone d'Italia un autentico boom, basti citare i casi della provincia di Livorno +57,1%, seguita da quella di Grosseto (+56,4%) e da quella di Asti (+55,5%). Secondo il segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi, una parte di questi incrementi potrebbero essere letti anche in un'altra ottica: all'esplodere della crisi le famiglie con una maggiore disponibilità economica potrebbero essere state indotte ad impegnare il capitale disponibile, integrandolo solo per una parte con un mutuo, nell'acquisto di immobili o nella ristrutturazione delle case già in loro proprietà per riconvertire eventuali cifre disinvestite dall'incerto mercato azionario.

Foto | © TM News

  • shares
  • Mail