Distributori taroccati, la truffa in provincia di Padova


Sono ben 11 le persone arrestate dalla Guardia di Finanza di Padova nell'ambito di un'indagine per truffa ai danni di centinaia di ignari automobilisti e autotrasportatori. Le fiamme gialle hanno scovato ben 9 impianti con 24 pompe erogatrici taroccate in modo che erogassero meno benzina o diesel di quanto indicato sul display e regolarmente pagato dai consumatori che si rivolgevano in buona fede a quei distributori per rifornirsi di carburante.

Come se non bastassero i prezzi altissimi ritorna, con un altro caso, la moda del taroccamento già denunciata in passato. La modalità è fin troppo semplice, anche perché i controlli non possono chiaramente coinvolgere i tanti distributori sparsi per la penisola. I truffatori con questo sistema riuscivano ad occultare migliaia di litri da poter poi rivendere in nero con un enorme guadagno personale: secondo la Guardia di Finanza si tratta di almeno 370 mila litri nel solo 2011 venduti illegalmente e di almeno 33 mila litri di mancate erogazioni.

L'indagine e i controlli non si fermano qui perché gli investigatori ritengono che il fenomeno non sia poi così isolato. Nell'ambito degli stessi controlli sono state individuate anche 11 aziende florovivaistiche che acquistavano il gasolio a prezzo agevolato, ma lo giravano a pompe di benzina che lo rivendevano come normale carburante per autotrasporti con un'ingente importo evaso all'erario.

Foto | © TM News

  • shares
  • Mail