Bilancia commerciale italiana in surplus di 5,9 miliardi a luglio 2013

I dati diffusi dall'Istat. Rispetto a giugno il saldo mostra però una diminuzione delle esportazioni (-2,3%) e un aumento delle importazioni (+0,4%).

A luglio 2013 il saldo della bilancia commerciale italiana ha fatto segnare un surplus di 5,9 miliard, 1,2 miliardi in più rispetto allo stesso periodo del 2012. Lo rende noto oggi l'Istat.

Il risultato è frutto di un aumento dell'export (+3,0%) e di una flessione dell'import (-0,3%). L’area extra Unione europea fa registrare le variazioni più marcate con un aumento delle vendite del 3,5% e una riduzione degli acquisti dell'1,9%.

Al netto delle differenze nei giorni di lavoro (23 a luglio 2013, 22 a luglio 2012) le variazioni su base annua dell'export e dell'import sono tutt’e due in calo, rispettivamente -1,6% e -4,1%.

L'avanzo complessivo delle bilancia commerciale è uguale alla somma dei surplus conseguiti sia con i paesi dell’Ue (+3,1 miliardi) che con quelli extra Ue (+2,8 miliardi).

Togliendo l'energia, la bilancia è in attivo per 11,0 miliardi. Da Gennaio a luglio 2013 l’Istat rileva un aumento tendenziale per l'export contenuto e pari a un +0,2% mentre l'import è decisamente in flessione (-6,0%).

Il saldo positivo nei primi sette mese dell’anno raggiunge così i 18,2 miliardi, ma al netto dei prodotti energetici è superiore ai 50 miliardi. Sul precedente mese di giugno, luglio mostra comunque una diminuzione delle esportazioni (-2,3%) e un aumento delle importazioni (+0,4%).

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail