Casa: voglia di ripresa nel mercato immobiliare

Il calo dei prezzi continua ma le previsioni del gruppo immobiliare Tecnocasa sulle compravendite per il 2013 sono improntate all'ottimismo.

Nonostante il mercato immobiliare italiano sia ancora caratterizzato da una contrazione dei prezzi - nei primi sei mesi del 2013 si è registrato un calo del 4,7% nelle grandi città e del 5% nei capoluoghi di provincia - il settore dà i primi, timidi, segnali di ripresa.

Così secondo i dati del Gruppo Tecnocasa, che per i prossimi mesi prevede ancora ribassi dei prezzi per una contrazione che a fine anno dovrebbe essere compresa tra -8% e -6%.

Tecnocasa cita:

alcuni cambiamenti che potranno portare "all'alba" di un nuovo mercato immobiliare rifondato su dinamiche diverse da quelle viste fino ad oggi.

Rispetto al 2012, le agenzie del gruppo immobiliare hanno infatti registrato:


più appuntamenti di visita e più decisione in coloro che possono acquistare.

Tornando al calo dei prezzi, Verona mostra il ribasso più netto (-7,9%) tra le grandi città. La contrazione minore si registra invece a Napoli (-3%), seguita a ruota da Genova (-3,9%) e Milano (-3,6%). Dai risultati dell’analisi per aree geografiche è invece il Centro Italia a soffrire maggiormente della flessione dei prezzi nel primo semestre del 2013 (-6%). Poi il Nord (-4,8%) e il Sud (-4,6%) del Paese.

Le compravendite, sempre secondo Tecnocasa, quest'anno potrebbero oscillare tra 420 e 450 mila transazioni. Inversione di tendenza in atto anche secondo quanto rilevato dal sistema di informazioni creditizie Crif: la domanda di prestiti per l’acquisto dell’abitazione ha fatto registrare ad agosto 2013 un +4,1% rispetto allo stesso mese del 2012. La domanda di mutui da parte delle famiglie italiane non cresceva da due anni e mezzo.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail