Se cade il governo 281 euro di tasse in più a famiglia

Secondo Cgia Mestre con la caduta del Governo Letta si pagheranno 9,4 miliardi di euro di tasse in più l’anno

9,4 miliardi di euro di tasse in più. È questo il conto – salatissimo – che gli italiani dovranno pagare qualora il Governo Letta dovesse cadere nelle prossime settimane.

Il calcolo proviene da una stima compiuta dalla Cgia di Mestre, un’associazione di artigiani e piccole imprese. Il calcolo è la sommatoria del ritorno dell’Imu sulla prima casa e dell’aumento dell’Iva che scatterebbe dal 1° gennaio 2014. Dei 9,4 miliardi in più di tasse, 7,2 miliardi graverebbero sulle spalle delle famiglie e l’aggravio medio annuo sarebbe di 281 euro per nucleo familiare.

Ma vediamo nel dettaglio: 5,18 miliardi dovrebbero arrivare dalla reintroduzione dell’imposta sulle abitazioni principali (4,42 miliardi di euro) e dalla reintroduzione dell’imposta su abitazioni principali, terreni agricoli e fabbricati rurali strumentali, abitazioni delle cooperative a proprietà indivisa.

Per i proprietari di prima casa ci sarebbe un ulteriore aggravio, pari a 400 milioni, dovuto alla possibilità di detrarre 50 euro per ogni figlio residente.

Ma non è finita perché l’aumento di un punto percentuale dell’aliquota ordinaria Iva costerà 4,2 miliardi di euro così ripartiti: 2,8 miliardi a carico delle famiglie e 1,4 miliardi a carico di Enti non commerciali, Pubblica amministrazione e imprese.

Via | Cgia Mestre

Infografica Centimetri

  • shares
  • Mail