Operazione case fantasma: 500mila quelle sconosciute al Fisco

L'incrocio delle mappe catastali con immagini aeree ha reso possibile i controlli dell'Agenzia delle Entrate. Accatastate 492.000 case.

Sono 500mila le case fantasma scoperte dal Fisco e che valgono circa 600 milioni di tasse (evase).

L'Agenzia delle Entrate ha ultimato la panoramica dei fabbricati sconosciuti al catasto, incrociando appunto le mappe catastali con immagini aeree.

L'operazione "Case fantasma" ha scoperto un calderone: 492mila immobili inesistenti per il Fisco.

I controlli, come spiega l'Agenzia delle Entrate, hanno riguardato più di 2,2 milioni di particelle del catasto terreni e 1,2 milioni di unità immobiliari urbane non censite nel database catastale. La somma delle rendite catastali associate agli immobili fantasma accertati è di oltre 825 milioni di euro.



Le immagini aeree da incrociare con i dati catastali sono state fornite dall'Agea (Agenzia per le erogazioni in agricoltura).



Secondo il Dipartimento della Finanze del ministero dell’Economia se le rendite presunte fossero confermate genererebbero un maggior gettito per le casse dello Stato pari a 589 milioni di euro: 444 milioni di euro per l'Imu, 137 milioni di euro per le imposte sui redditi (Irpef e cedolare secca) e 7,5 milioni per l'imposta di registro sui canoni di locazione.

  • shares
  • Mail