Commercio estero: ad agosto bilancia commerciale in avanzo di 958 milioni

I dati Istat. Pesante il passivo su base annua.


Buone notizie dalla bilancia commerciale italiana ad agosto: l'Istat rende noto oggi che il mese si è chiuso con un avanzo di 958 milioni contro un deficit di 483 milioni registrato ad agosto del 2012. Al netto dei beni energetici la bilancia è in attivo di 5,4 miliardi.

Nel dettaglio ad agosto c’è stata un crescita dell'1,7% del nostro export e dell'1,1% dell’import rispetto al precedente luglio. La crescita congiunturale dei due flussi è stata trainata dall'interscambio con i paesi dell'area UE: +2,9% per l'export e +2,4% per l'import.

A sostenere l’aumento congiunturale delle vendite all'estero, soprattutto il settore dei beni di consumo durevoli (+8,4%). Per l'import sono invece in decisa espansione gli acquisti di beni strumentali (+13,8%).

Su base annua però il passivo degli scambi con l’estero è pesante: rispetto ad agosto del 2012 la flessione è significativa sia le esportazioni (-4,4%) che per le importazioni (-9,8%): la riduzione dell'interscambio è maggiore per l'area extra Ue, con l’export che cala del 5,4% e l’import del 15,5%.

Gli ultimi dati confermano la dinamica tendenziale negativa dei valori medi unitari all'import (-3,7%) con i volumi scambiati che sono in contrazione sia per l'import (-6,3%) sia per l'export (-4,2%).

Nei primi otto mesi del 2013 l’avanzo commerciale italiano si attesta comunque a 19,2 miliardi, 56 miliardi al netto dei prodotti energetici.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail