Multe con lo sconto anche per i divieti di sosta

Il problema interpretativo era sorto perché la nuova norma a integrazione del codice stradale si riferisce alla contestazione o notificazione del verbale. Il Viminale precisa.

L’atteso chiarimento è arrivato. Lo sconto del 30% sulle multe, se pagate all’atto della contestazione o entro 5 giorni dalla notifica, vale anche per i verbali di divieto di sosta.

Il trasgressore multato per aver parcheggiato dove non avrebbe dovuto può pagare subito e risparmiare le spese di notifica e di accertamento dell’infrazione.

Il parere del ministero dell’Interno (prot. 300/A/7552/13/127/1) è relativo alle legge 98/2013 che ha istituito il principio del pagamento agevolato delle multe per chi lo fa entro 5 giorni, sempre nel caso di infrazioni non particolarmente gravi.

Il problema era sorto perché la nuova norma innestata nel codice stradale si riferisce alla contestazione o notificazione del verbale e per questo alcuni comandi dei vigili urbani avevano sollevato una questione di interpretazione negando fin qui lo sconto sulle contravvenzioni per divieto di sosta non ancora notificate.

Il ministero dell’Interno rispondendo al Comune di Torino ha così specificato la che la multa low cost può valere anche per i divieti di sosta. Dal Viminale fanno sapere che il loro compito è quello di coordinare l’attività degli organi di polizia stradale in riferimento all’applicazione del codice della strada e che quindi competerebbe ai comandi di polizia locale gestire le questioni precedenti all’attività di contestazione o notifica delle multe. Tuttavia secondo il ministero è opportuno permettere all’automobilista il pagamento scontato del verbale di divieto di sosta.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail