Piazza Affari scivola al 23° posto nella classifica delle Borse mondiali

Nel 2013 la borsa meneghina è scesa sotto l'1 per cento di capitalizzazione. Se rapportata al Pil nazionale, Milano è la borsa che pesa meno tra le maggiori piazza finanziarie mondiali.

La Borsa di Milano perde ancora terreno nella graduatoria per capitalizzazione delle 28 maggiori piazze finanziarie mondiali. A fine giugno 2013 Piazza Affari si colloca infatti al 23° posto tra le Borse internazionali, scalzata di un gradino nell'ultimo anno da Città del Messico, da Jakarta, in Indonesia, e Kuala Lumpur in Malaysia.

Il rapporto annuale dell’ufficio Studi di Mediobanca "Indici e dati relativi ad investimenti in titoli quotati" spiega come negli ultimi due lustri la borsa meneghina abbia perso ben 12 posizioni. Nel 2003 era undicesima, per scivolare al 20° posto nel 2012. Sono ormai solo un ricordo gli anni della New economy quando, tra il 1998 e il 2001, Milano si piazzava tra l’ottava e la nona posizione.

La borsa di Atene è l’unica tra quelle prese in esame che insieme a Piazza Affari 
è regredita in termini di capitalizzazione negli ultimi 10 anni, ma Milano ha perso decisamente di più: -27,9% contro il -19% perso da Atene, sempre a fine giugno 2013.

Di contro nell’ultimo decennio è stata la borsa di Shanghai a volare, aumentando la propria capitalizzazione del 510%. Altro segno che la ricchezza finanziaria mondiale non è più concentrata in occidente.

Tornando alla Borsa di Milano questa dal 2007 fa parte del London Stock Exchange, gruppo quarto nel mondo, dopo le due Borse statunitensi (Nyse Euronext e Nasdaq Omx) e quella giapponese (Tokyo Stock Exchange).

Nel 2013 la piazza finanziaria italiana scende sotto l'1% di capitalizzazione e all’interno del LSE group il suo peso è calato. Nel 2003 Piazza Affari valeva circa un quinto del totale pro forma Londra/Milano, nel 2013 circa un ottavo. È la prima volta che Milano scende sotto l'1% della capitalizzazione totale delle principali Borse internazionali, con 353 miliardi di euro a fine giugno 2013, contro i 490 miliardi di capitalizzazione di fine 2003.

Se rapportata al Pil nazionale, Milano è la borsa che pesa di meno al mondo: a fine giugno incideva solo per il 22,6% del Prodotto interno lordo, all'ultimo posto dopo Vienna (24,2%).

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail