Debiti della pubblica amministrazione verso le imprese: pagati 13,8 miliardi

La maglia nera dei pagamenti va ai ministeri, più virtuosi gli enti locali

La pubblica amministrazione, pesantemente indebitata con le imprese, ha fin qui pagato alle stesse, 13,8 miliardi, con gli enti locali che hanno fatto meglio dello Stato centrale.

Ad esempio i primi cittadini dei comuni italiani hanno già impiegato 3,9 miliardi dei 5,3 messi a disposizione dal decreto legge 35/2013 per pagare i debiti verso le imprese. Ancora più virtuose le province che hanno smaltito il 91% delle risorse disponibili (1,2 miliardi) per sanare i debiti con le imprese fornitrici di beni e servizi.

Le regioni invece hanno pagato quasi tutti i debiti sanitari pregressi: 4,1 miliardi, sui 4,2 messi a disposizione, sono stati già versati ai fornitori delle Asl. La maglia nera dei pagamenti, secondo i dati diffusi da Via XX settembre, va ai ministeri. Su 680 milioni previsti per onorare i debiti ad oggi solo 194 sono stati trasferiti alle imprese.

In ogni caso il 90% dei 20 miliardi di euro stanziati dal Ministero dell’economia e delle finanze per il 2013 è a disposizione degli enti debitori dal Tesoro. Alla data del 28 ottobre il totale dei pagamenti effettuati è pari al 69% del totale. Per l’anno prossimo verranno stanziati dal Mef ulteriori 20 miliardi, più altri 7,2 miliardi previsti dal decreto sull’Imu.

  • shares
  • Mail