Conti pubblici, il M5s presenta un esposto contro l'Istat

L'Istituto italiano di statistica avrebbe ritoccato i dati sul rapporto deficit-Pil. Il M5s presenta un esposto

Sul rapporto deficit-Pil presentato all'Europa il 30 settembre scorso dal governo italiano, testo redatto dall'Istat, ci sarebbero stati dei "ritocchi" oggi oggetto di un esposto contro l'istituto di statistica presentato dal M5s: riportando un 3% tondo e non il 3,1% riferito dalla nota di aggiornamento del Def stilata dal ministero del Tesoro, sostengono i pentastellati, l'Istat non avrebbe tenuto fede alla sua missione.

Secondo il M5s al 30 settembre l'Istat era tenuto a trasmettere all'Europa i saldi antecedenti alla correzione del dato sul rapporto deficit-Pil, e quindi avrebbe dovuto notificare lo sforamento sul deficit di uno 0.1%: lo stato dei conti pubblici fotografato da Istat al 30 settembre, facendo riferimento ai dati del Mef, sarebbe stato falsato per permettere alla "manovrina" di settembre-ottobre (1,6 miliardi) di spostare a favore quel decimo percentile e rientrare nei parametri europei.

In sostanza, nè più nè meno di quanto non avrebbe fatto per anni il governo greco. Qualora l'anomalia fosse confermata, nell'esposto, che sarà presentato alla procura di Roma dal capogruppo M5S alla Camera, Alessio Villarosa, e dalla deputata Roberta Lombardi, il MoVimento 5 Stelle ipotizza per l'Istituto di statistica l'addebito di falso in atto pubblico.

L'esposto sarebbe stato già presentato in procura nella tarda mattinata di oggi.

  • shares
  • Mail