Twitter sbarca a Wall Street: a 26 dollari per azione vale 18 miliardi

Da oggi il titolo del colosso di microblogging potrà cominciare a essere scambiato al Nyse "memore" degli errori commessi da Facebook. Gli analisti prevedono per Twitter una crescita dei ricavi del 32% nel 2015.

Twitter debutta in borsa, a Wall Street, fissando a 26 dollari ad azione il prezzo nell'Ipo (Initial public offering). Il prezzo è superiore al range ipotizzato, tra 23 e 25 dollari, che era già più alto delle stime iniziali. Il prezzo comporta una valutazione di mercato superiore ai 18 miliardi di dollari.

Da oggi insomma il titolo della nota piattaforma di microblogging, nata sette anni fa a San Francisco, potrà cominciare a essere scambiato al Nyse, non al Nasdaq come Facebook, con la sigla Twtr. L'offerta pubblica è pari a 70 milioni di azioni, con cui l’azienda prevede di raccogliere 1,82 miliardi di dollari, più un'opzione per altri 10,5 milioni di bigliettoni verdi esercitabile entro 30 giorni.

Si tratta indubbiamente della quotazione in borsa più attesa dai mercati dopo quella di Facebook, a maggio del 2012, a 38 $ per azione. Twitter ha oltre 230 milioni di utenti nel mondo, ma nel 2012 ha chiuso con una perdita di 79,4 milioni e un giro d'affari di 317 milioni. La società ha scelto di valutarsi meno di Facebook i cui titoli, entusiasmo da debutto a parte, hanno superato il prezzo iniziale dopo più di un anno dalla quotazione a Wall Street.

Secondo gli analisti comunque oggi il prezzo delle azioni di Twitter potrebbe schizzare ben oltre il valore dell'offerta. Gli esperti di banca Goldman Sachs - una di quelle che ha curato l'Ipo del gigante di microblogging - prevedono una crescita dei ricavi del 32% nel 2015.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail