Bankitalia: debito pubblico in aumento ed entrate tributarie in calo

Il supplemento di finanza pubblica del bollettino statistico di Palazzo Koch rileva a Settembre 2013 un debito pubblico pari a 2.0686 miliardi di euro ed entrate per l'erario in calo dello 0,39% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Il debito delle amministrazioni pubbliche continua a salire a settembre 2103, arrivando a 2.0686,565 miliardi di euro, in aumento dai 2.060 miliardi di agosto, rimanendo però, magra consolazione, sotto i massimi fatti registrare a giugno (2.076.182 miliardi).

I dati sono contenuti nel supplemento di finanza pubblica del bollettino statistico della Banca d'Italia pubblicato oggi.

Il debito pubblico torna quindi a salire dopo che ad agosto era calato di circa 14 miliardi di euro. Dall'inizio dell'anno è cresciuto di qualcosa come 79 miliardi, rispetto a settembre dell’anno scorso invece l'aumento è di circa 72 miliardi.

Giusto ieri il commissario alla spending review Carlo Cottarelli ha inviato al comitato interministeriale per la revisione della spesa il suo programma di tagli e riduzioni, con gli obiettivi e gli indirizzi metodologici dell’attività di revisione della spesa pubblica, piano che presto sarà trasmesso al parlamento.

Tornando al bollettino di Bankitalia Palazzo Koch fa sapere che primi nove mesi del 2013 le entrate tributarie si sono attestate a 278,593 miliardi di euro, in calo dello 0,39% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. A settembre le entrate sono state infatti uguali a 21,455 miliardi di euro contro i 22,579 miliardi dello stesso mese dello scorso anno (-5,2%).

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail