IMU: l’abolizione della seconda rata in CdM

Coperture dall'aumento degli acconti Ires e Irap per banche e assicurazioni. Il decreto sarò varato domani


    AGGIORNAMENTO 12.06 - Il Consiglio dei ministri ha rinviato a domani il varo del decreto per l'abolizione della seconda rata Imu sulla prima casa in quanto il provvedimento deve essere licenziato insieme a quello sulla rivalutazione delle quote di Bankitalia che a sua volta attende il via libera della Bce.

Oggi sul tavolo del Consiglio dei Ministri approda il decreto che abolisce la seconda rata dell'Imu sull’abitazione principale. Il Tesoro è ancora impegnato a definire le coperture che dovrebbero arrivare dall'aumento degli acconti Ires e Irap oltre il 120% per banche e assicurazioni.

Ma parte dei fondi necessari potrebbero essere reperiti anche attraverso l’introduzione di un ulteriore anticipo di imposta a carico di banche e società di intermediazione finanziaria.

Se l'aumento degli acconti Ires e Irap riguarderà anche le imprese non finanziarie questo non è ancora chiaro, ma la misura era prevista nella clausola di salvaguardia inserita nel decreto legge di fine agosto che ha abolito la prima rata dell'Imu sulla prima casa e che contemplava anche l'aumento delle accise sui carburanti.

La seconda rata dell’IMU dovrebbe invece essere pagata su terreni agricoli e fabbricati rurali, nonostante il nuovo centrodestra e la nuova Forza Italia siano in pressing per esentare anche il comparto agricolo dal pagamento dell’imposta: per farlo ci vogliono 2,4 miliardi, invece di 2.

Per quanto riguarda il gettito da restituire ai Comuni, i sindaci chiedono di incassare tutto quello mancato, comprese le maggiori aliquote già deliberate per il 2013: sarebbero circa 500 milioni in più.

Nel decreto del governo troverebbe spazio anche una norma che accelera sulla vendita alla Cassa depositi e prestiti dei 500 milioni di immobili pubblici, dismissione già annunciata e che servirà a rispettare il tetto del 3% del rapporto deficit/Pil per l’anno in corso.

  • shares
  • Mail