Vendite al dettaglio, Istat: -0,3% a settembre, -2,8% sull’anno

Su base annua a settembre 2013 si è registrata una flessione del 2,2% per le vendite di prodotti alimentari e del 3,1% per quelle di prodotti non alimentari.

L'indice Istat sulle vendite al dettaglio in Italia scende a settembre dello 0,3% contro le rosee previsioni degli analisti che parlavano di un aumento dello 0,4%. Le vendite di prodotti alimentari sono calate dello 0,2%, con gli italiani costretti sempre più a tirare la cinghia anche sull’essenziale, quelle di prodotti non alimentari dello 0,3%.

Su base annua, rispetto allo stesso mese del 2012, le vendite al dettaglio sono diminuite del 2,8% con una flessione del 2,2% per le vendite di prodotti alimentari e del 3,1% per quelle di prodotti non alimentari.

Nella media del trimestre luglio-settembre 2013 l'indice destagionalizzato dell’Istituto nazionale di statistica ha fatto segnare una riduzione dello 0,4% sui tre mesi precedenti. Rispetto ad agosto di quest'anno, le vendite di prodotti alimentari sono calate dello 0,2% quelle di prodotti non alimentari dello 0,3%.

E siamo alle vendita per forma di distribuzione: i dati mostrano una variazione negativa rispetto a settembre 2012 sia per la grande distribuzione (-2,6%) sia per le imprese che operano su piccole superfici (-3,0%).

Dal confronto gennaio-settembre 2013 con i primi nove mesi dell’anno scorso risulta che le vendite al dettaglio sono scese del 2,3%: quelle di prodotti alimentari dell'1,3%, quelle di prodotti non alimentari del 3,0%.

© Foto TMNews

  • shares
  • Mail