Prezzi dei carburanti in aumento: rincari per benzina e diesel

Deciso aumento per le medie ponderate nazionali dei prezzi tra le diverse compagnie in modalità "servito". Stabili i prezzi dei carburanti gassosi.

Prezzi dei carburanti ancora in aumento dopo che i due rialzi consecutivi delle quotazioni dei prodotti raffinati avevano già fatto ritoccare al rialzo i listini sabato. Il prezzo internazionale della benzina venerdì è arrivato 543 euro per mille litri (+5) quello del gasolio a 601 euro per mille litri (+6).

Aumenti che si sono presto tradotti in rincari dei prezzi alla pompa con un deciso aumento stamattina per le medie ponderate nazionali tra le diverse compagnie in modalità servito: a 1,809 euro al litro il prezzo della benzina, 1,3 centesimi in più, e a 1,742 euro al litro il prezzo del diesel (+1,1 centesimi). Rimangono stabili i prezzi dei carburanti gassosi, il Gpl a 0,811 euro al litro e il metano a 0,991 euro al kg.

Stando la rilevazione di Staffetta Quotidiana, sabato il market leader Eni aveva aumentato di 1,5 centesimi al litro il prezzo consigliato della benzina e di un centesimo quello del gasolio. Tra sabato e oggi tutti i competitors si sono adeguati, con rialzi dei prezzi che oscillano tra 1 e 1,5 centesimi sulla “verde” e tra 0,6 e 1,3 centesimi per il diesel.

La situazione a livello Paese secondo quanto rileva Quotidiano Energia oggi 25 novembre è la seguente: in modalità servito il prezzo medio praticato della benzina va oggi da 1,777 euro al litro di Eni a 1,784 di Q8 e Tamoil, con le No-logo a 1,651 euro al litro. Per il gasolio si va da 1,700 euro al litro sempre di Eni a 1,713 euro di Esso e Tamoil, con le No-logo a 1,573 euro/litro. Il prezzo del gpl per litro oscilla tra 0,793 euro di Eni e 0,802 di IP; No-logo a 0,748 euro al litro.

© Foto TMNews - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail