L'aumento degli acconti Ires-Irap azzera il taglio del cuneo fiscale per le imprese

Confcommercio: "alle imprese viene chiesto di anticipare oggi alle casse pubbliche il beneficio fiscale che riceveranno il prossimo anno".

a:2:{s:5:"pages";a:2:{i:1;s:0:"";i:2;s:8:"pagina 2";}s:7:"content";a:2:{i:1;s:759:"





Il taglio del cuneo fiscale? Per le imprese non comporterà nessun beneficio secondo i calcoli di Confcommercio. Il maggior gettito fiscale generato dall'aumento degli acconti di imposta Ires-Irap a carico delle imprese vale 1,147 miliardi, quindi vanifica lo sconto che le imprese dovrebbero avere nel 2014 per il taglio del cuneo, pari a un miliardo.

La legge di Stabilità prevede per l’anno prossimo una riduzione del cuneo fiscale a favore delle imprese tramite un abbassamento dei premi Inail. Per l’associazione dei commercianti:

continua a pagina 2

";i:2;s:1761:"

pag. 2

"Si tratta di un beneficio che, oltre ad essere già di per sé troppo esiguo, viene anche completamente azzerato per i maggiori versamenti che vengono richiesti in questa fine di 2013 che, di fatto, garantirebbero allo Stato introiti di importo complessivo superiore alla dimensione stessa della riduzione del cuneo fiscale promessa. In pratica, alle imprese viene chiesto di anticipare oggi alle casse pubbliche il beneficio fiscale che riceveranno il prossimo anno".



Confcommercio in collaborazione con il Cer sottolinea che alcune delle coperture che erano state indicate per l'abolizione della prima rata dell'Imu sull’abitazione principale non sono state in realtà mai conseguite.

Cioè, si è tolta un’imposta (si fa per dire perché in pratica sembra solo aver cambiato nome) senza avere i soldi per farlo e ora per coprire l’ammanco si va a pescare nelle tasche di imprese (con l’aumento degli acconti Ires-Irap) e cittadini-consumatori (con l’aumento delle accise su gas, energia elettrica e bevande alcoliche come previsto dalla clausola di salvaguardia).

All’appello mancano infatti 600 milioni di gettito che erano attesi dalla sanatoria sulle slot machine e dai maggiori introiti Iva associati allo sblocco dei pagamenti della pubblica amministrazione, per 925 milioni.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

";}}

  • shares
  • Mail