Isee 2014: il nuovo Riccometro al via, cosa cambia?

Secondo il premier la riforma: "interviene in modo significativo a favore di famiglie e disabili". Tutte le novità.

a:2:{s:5:"pages";a:2:{i:1;s:0:"";i:2;s:8:"pagina 2";}s:7:"content";a:2:{i:1;s:1467:"

Ecco le principali novità della riforma dell’Isee, l’indicatore della situazione economica equivalente che ieri il governo ha licenziato per contrastare i falsi poveri, chi beneficia delle prestazioni sociali e assistenziali dello Stato truffandolo, cioè senza averne diritto e sulle spalle della collettività.

Il nuovo indicatore della situazione economica equivalente, secondo il premier Enrico Letta “interviene in modo significativo a favore di famiglie e disabili".

Come funzionerà il nuovo Riccometro per individuare chi beneficia indebitamente dei servizi sociali statali? La reale condizione economica delle famiglie sarà valutata incrociando le banche dati fiscali e contributive, le aree dell’autodichiarazione saranno ridotte al minimo. La riforma prevede una definizione più ampia del reddito e maggior peso alla situazione patrimoniale. Più attenzione sarà riservata alle famiglie numerose e alle diverse condizioni di disabilità.

Continua a pagina 2

Foto © Getty Images - Tutti i diritti riservati

";i:2;s:1195:"

pag. 2

Ecco come sarà il nuovo Isee 2014, cosa cambia per le famiglie e cosa rientra nella nozione di reddito, in 8 punti:


    1) Verranno considerate tutte le forme di reddito, comprese quelle fiscalmente esenti.
    
2) La capacità selettiva migliorerà dando un peso più adeguato alla componente patrimoniale.

    3) Verranno considerate le caratteristiche delle famiglie con carichi gravosi, quelle cioè con tre o più figli e quelle con persone con disabilità.
    
4) Sarà permessa una differenziazione dell’indicatore in relazione al tipo di prestazione richiesta.
    
5) Le autocertificazioni saranno ridotte all'osso, proprio per rafforzare i controlli e ridurre le situazioni di accesso a prestazioni agevolate senza averne diritto.
    6) Sarà possibile calcolare l’Isee corrente in caso di variazioni del reddito corrente superiori al 25%.
    
7) Dalla nozione di reddito saranno sottratti: pensioni, assegni di mantenimento, redditi da lavoro dipendente, costo dell’abitazione e le spese effettuate da persone con disabilità o non autosufficienti.
    
8) Saranno aumentate le franchigie per ogni figlio successivo al secondo.

";}}

  • shares
  • Mail