Mercatini di Natale, boom di acquisti: ci va un italiano su due

Il 58% compra prodotti enogastronomici. L'analisi Coldiretti/Ixè.

a:2:{s:5:"pages";a:2:{i:1;s:0:"";i:2;s:8:"pagina 2";}s:7:"content";a:2:{i:1;s:1175:"

Nell’ennesimo Natale all’insegna della crisi dei consumi, cui forse solo un anticipo dei saldi invernali poteva dare una scossa, è sempre più boom per i mercatini delle feste.

Un appuntamento con la tradizione, a caccia del regalo giusto, che coniughi economicità e originalità. Il tutto in un’atmosfera rilassante, tipicamente natalizia.

Secondo quanto emerge da un’analisi Coldiretti/Ixè per questo Natale 2013 un italiano su due frequenterà i tradizionali mercatini, con un incremento di presenze del 4% rispetto al 2012.

continua a pagina 2

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

";i:2;s:1969:"

pag. 2

La formula vincente di questo tipo di distribuzione commerciale è quella di unire il relax alla possibilità “di fare acquisti con curiosità" - spiega Coldiretti. Ovviando così alle solite offerte standardizzate:

"La metà degli italiani coglierà l'occasione delle festività di Natale per andare a spasso nei tradizionali mercatini alla ricerca di regali per se stessi e per gli altri, con la massima frequenza a partire proprio dal weekend dell'Immacolata con il quale parte il vero shopping di Natale".

Sempre secondo lo studio di Codiretti-Ixè il 58% di chi si recherà nei mercatini natalizi acquisterà prodotti enogastronomici, il 49% decorazioni per la casa e l’albero, il 38% prodotti per la casa, il 37% oggetti d’artigianato, il 17% abbigliamento e il 15% giocattoli.

Ovviamente bisogna stare attenti a dove si compra e alla qualità dei prodotti acquistati. La Guardia di Finanza di Roma ha concluso ieri il suo piano di controllo del territorio capitolino alla ricerca di giocattoli, addobbi, e quant’altro di contraffatto, nelle zone in cui vengono allestiti appunto i mercatini delle feste. Il fine dell’operazione fanno sapere dalla Gdf:

“è stata la tutela degli operatori commerciali regolari dalla sleale ed illecita concorrenza dei professionisti del falso che, in violazione di ogni normativa ed in completa evasione fiscale, sgomitano violentemente per occupare ogni fetta di mercato".

I risultati parlano chiaro. Le Fiamme gialle hanno sequestrato - perché non sicuri o commercializzati in violazione della normativa comunitaria - 56.000 giocattoli, 567.000 cosmetici nocivi per la salute, 4.700 anelli con il falso marchio "Amen" e 440.000 addobbi natalizi.

";}}

  • shares
  • Mail