Legge di Stabilità: tolto il bollo fisso su conti correnti e titoli

Restano da esaminare gli emendamenti del governo e quelli del relatore alla legge finanziaria. Nuovi fondi per la tutela degli esodati, al via la mobilità per il personale delle società controllate.

a:2:{s:5:"pages";a:2:{i:1;s:0:"";i:2;s:8:"pagina 2";}s:7:"content";a:2:{i:1;s:1155:"

La commissione bilancio di Montecitorio la scorsa notte ha terminato di passare in rassegna gli emendamenti alla legge di Stabilità presentati dai rappresentanti dei vari gruppi parlamentari.

E tra gli ultimi emendamenti approvati non mancano le novità: spunta infatti l’abolizione del bollo fisso di 34,20 euro su conti correnti e conto titoli, con la famigerata imposta di bollo che rimane per le giacenze in deposito sopra i 250mila euro.

Un altro emendamento stabilisce che non verranno applicate sanzioni e interessi nel caso di insufficiente versamento dell'Imu (Imposta municipale propria) ma solo per i contribuenti che verseranno la differenza senza far passare il termine di scadenza della prima rata per il 2014.

continua a pagina 2

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

";i:2;s:868:"

pag. 2

Arriva anche la mobilità per il personale delle società controllate, pure in modo indiretto dalle amministrazioni pubbliche, escluse quelle quotate. Mobilità al via "senza necessità di consenso del lavoratore'' e ''previa informativa alle rappresentanze sindacali''.

In tema di lavoro sono poi stati stanziati, fino al 2020, 950 milioni di euro per tutelare altri 17mila esodati - cioè gli ex lavoratori rimasti senza pensione né stipendio dopo la riforma dell'ex ministro Elsa Fornero.

Ora restano da esaminare gli emendamenti del governo e quelli del relatore alla legge finanziaria. I lavori in commissione dovranno concludersi oggi, domani la legge di Stabilità deve arrivare in aula per la votazione.";}}

  • shares
  • Mail