Eurozona: lieve crescita dell’inflazione a novembre

Piccolo aumento dell’indicatore certificato da Eurostat, i prezzi rimangono molto bassi.

a:2:{s:5:"pages";a:2:{i:1;s:0:"";i:2;s:8:"pagina 2";}s:7:"content";a:2:{i:1;s:841:"

Prezzi dei beni e servizi di consumo in lieve ascesa in una eurozona che faticosamente prova a risalire la china dopo un lustro di crisi.

A novembre 2013 Eurostat - l’ufficio centrale di Statistica dell’Ue - segnala il leggero rialzo l'inflazione europea che rimane però molto bassa.

In Eurolandia il tasso annuale si attesta allo 0,9% contro lo 0,7% di ottobre, e nell’Unione europea 28 Paesi è pari all'1%, dallo 0,9% del mese precedente.

continua a pagina 2

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

";i:2;s:829:"

pag. 2

A novembre di un anno fa l'aumento annuale dei prezzi era stato del 2,2% nell’area euro e del 2,4% nell’Unione europea nel suo complesso.

Gli incrementi più rilevanti dei prezzi riguardano l'elettricità, i servizi alberghieri e il tabacco. In calo invece i prezzi del carburante per trasporto, dei combustibili liquidi e delle telecomunicazioni.

Il costo orario della manodopera europea nel terzo trimestre del 2013 rimane sostanzialmente stabile (con un dato in aumento nel settore dell’industria e dei servizi ma in flessione per le costruzioni): nel periodo luglio-settembre la crescita annua è stata pari all'1% nell'Eurozona e nell'Unione a 28 così come nel trimestre precedente quando l'aumento era stato dell'1,1% sia per l’area delle moneta unica che per l’intera Unione. ";}}

  • shares
  • Mail