Tasse, prezzi e tariffe in aumento nel 2014: tutti gli incrementi

Adusbef e Federconsumatori: stangata da 1.400 euro a famiglia rispetto all’anno scorso.

Le tasse saranno pure scese nel 2013 per la prima volta dopo anni, secondo i dati diffusi oggi dalla Cgia, ma c'è poco da gioire perché per gli italiani la stangata è dietro l'angolo. In base a uno studio di Adusbef e Federconsumatori nel 2014 tra Fisco e incrementi vari dei prezzi di beni e servizi le famiglie spenderanno in media 1.384 euro in più per l’introduzione di nuove gabelle e appunto per l’aumento di prezzi e tariffe.

Gli aumenti più rilevanti riguarderanno le spese alimentari, 327 euro in più sull’anno scorso, e le tasse sulla casa, 195 euro in più. Secondo le due associazioni dei consumatori:

"I servizi pubblici scaricano sprechi e inefficienze sui listini. Gli aumenti sono legati anche a nodi irrisolti della nostra struttura economica".

Nel 2014 crescerà il peso sulle nostre tasche dei carburanti (per 108 euro in più), di detersivi e plastiche (+118 euro), delle tariffe professionali e artigianali (+116 euro), delle addizionali territoriali (+156 euro) e dei pubblici trasporti (81 euro in più).

Come se non bastasse dal primo gennaio 2014 aumenteranno anche le tariffe della luce, dello 0,7% (+4 euro all’anno) a causa dell'introduzione di un nuovo onere generale di sistema - componente "Ae" - che servirà a finanziare le agevolazioni alle imprese manifatturiere con elevati consumi di energia elettrica. Sulle spalle dei consumatori.

Saranno ben più care le bollette di acqua e riscaldamento, rispettivamente +22 e +44 euro sull’anno scorso. Senza dimenticare i rincari dei servizi bancari (+61 euro), delle spese scolastiche per mensa e libri (+74 euro), delle assicurazioni Rc auto (+53 euro), altro che scatola nera, delle tariffe autostradali (+57 euro) e dei servizi postali (+48 euro). 



© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail