Rinnovo patente, dal 9 gennaio si cambia. Costi maggiori?

Cosa c’è da sapere, limiti di età e nuova procedura. Si pagherà di più? Il Codacons mette in guardia sulle visite mediche.

Rinnovo della patente, si cambia. Tra sette giorni, dal 9 gennaio 2014, mutano le modalità per il rinnovo del documento di guida.

Il classico tagliandino rosa da attaccare sulla patente va in pensione, la nuova patente rinnovata assomiglierà a una carta di credito, con tanto di foto recente del guidatore. Il documento sarà rilasciato dalla Motorizzazione civile e arriverà direttamente a casa dei richiedenti dopo 7 giorni dalla visita per il rinnovo.

Quanto ci costerà rinnovare la patente? 25 euro di base, più 16 di marca da bollo più 9 euro di versamento sul conto corrente 9001 a titolo di diritti di Motorizzazione.

La ricevuta va consegnata al medico assieme a una foto aggiornata in formato cartaceo. L’automobilista dovrà poi pagare 6,80 euro per la consegna al domicilio della nuova patente, e a tutto questo vanno sommati i costi della visita medica.

In sostanza il costo della nuova procedura di rinnovo rimane invariato rispetto al precedente metodo (25 euro +16+9+6,80 cui va aggiunto 1,80 euro per la pubblicazione del bollettino online) ma a preoccupare sono i costi delle visite.

In Lombardia ci vogliomo 39 euro, ma secondo il Codacons si può arrivare anche a 80 euro se si sceglie di farsi visitare in un’autoscuola, che si farà carico anche delle spese burocratiche. L'associazione dei consumatori teme "aumenti nascosti" per l’utente e chiede al governo di fare chiarezza su queste spese extra.

I limiti di età per i rinnovi della patente rimangono uguali: ogni 10 anni per i guidatori fino ai 50 anni di età, ogni 5 anni fino a 70, ogni 3 anni dai 70 agli 80 anni, e ogni 2 per gli automobilisti over 80.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail