La Cisl: "Saccomanni cambi le norme sul fondo taglia-tasse"

Il leader Cisl Raffaele Bonanni risponde al titolare dell'Economia: "Saccomanni ha deviato queste risorse su altro. Se si è pentito corregga subito quelle norme".

Alla promessa di riduzione delle tasse a partire da quest’anno, fatta ieri dal ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni - "in quale Paese vive" ha commentato sarcastico Daniele Capezzone per Forza Italia - replica oggi il segretario della Cisl Raffaele Bonanni.

Anche lui per la verità non sembra condividere molto l’ottimismo del ministro, ricordiamo che la legge di Stabilità 2014 prevede - a detta degli stessi relatori - 2,1 miliardi di tasse in più per quest'anno, oltre a segare parecchi bonus fiscali.

Sarà per questo che dal sindacato di ispirazione cattolica arriva un invito al ministro: dovrebbe cambiare immediatamente le norme che regolano il fondo taglia-tasse a favore di lavoratori e pensionati. Il leader Cisl stamattina ai microfoni del GR1 ha detto di sperare che le tasse scendano nel 2014 ma ha ricordato che:

"Saccomanni appena un mese fa ha deviato tutti i soldi che dovevano venire a lavoratori e pensionati nel fondo taglia-tasse, che i sindacati hanno chiesto a Letta e Letta ci ha concesso nella legge di stabilità. Saccomanni ha deviato queste risorse su altro. Se si è pentito corregga subito quelle norme”.

Come dire, se ci crede e si vuole davvero un calo delle tasse già a partire da quest'anno si devono modificare subito quelle norme, altrimenti sono solo chiacchiere.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail