Auto, mercato Ue in calo per il 6° anno consecutivo

2013 nero per il mercato europeo dell’auto, in calo per il sesto anno consecutivo anche se a dicembre le vendite fanno segnare una netta inversione di tendenza. L'anno si chiude con una contrazione complessiva dell'1,8%, tra le peggiori performance quella dell'Italia con un calo del 7,1%.

A dicembre 2013 invece le immatricolazioni sono cresciute del 13% (Europa a 27+Efta), sin tratta della maggior crescita mensile su base annua dal lontano dicembre 2009. In termini assoluti lo scorso mese sono state immatricolate 948.090 nuove auto a fronte delle 839.027 di dicembre 2012.


In misura inferiore agli altri Paesi il mercato dell’automobile cresce anche in Italia: a dicembre le immatricolazioni fanno segnare un +1,4%, mentre la Germania fa registrare un +5,4%, la Francia un +9,4%, la Spagna un +18,2% e l’Inghilterra +23,8%.

Su base tendenziale sono state vendute in tutto 12.308.215 nuove auto contro 12.528.093 del 2012. Fanalino di coda l'Italia, con una contrazione del mercato del 7,1%, seguita da Germania (-4,2%) e Francia (-5,7%) mentre in Spagna le vendite salgono del 3,3% e in Gran Bretagna del 10,8%.

Fiat chiude l’anno con un calo del 7,3% delle immatricolazioni di auto in Europa, per 794.497 auto vendute; la quota di mercato del Lingotto scende dal 6,4% del 2012 al 6% del 2013.

Il gruppo torinese subisce la penalizzazione del mercato italiano risultato il peggiore tra i major market, in calo del 7,1% rispetto al 2012.

Secondo i dati Acea (Europa a 27 + area Efta) a dicembre le immatricolazioni di Fiat sono cresciute del 2,3% su dicembre 2012 con 51.894 auto vendute complessivamente e una quota mercato che dal 6% è scesa al 5,5%.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail