Fmi, in Italia detrazioni fiscali troppo elevate. Serve Fisco semplice

In un working paper del Fondo Monetario Internazionale si leggono aspre critiche al Fisco italiano.

Fmi

Mentre il mondo della politica italiana è concentratissimo sulla legge elettorale, il Fondo Monetario Internazionale ha diffuso un proprio working paper dal quale emergono delle considerazioni interessanti relativamente al sistema fiscale vigente nel Bel Paese.

Secondo l'Fmi in Italia le detrazioni fiscali sono "chiaramente elevate" e pur riconoscendo che in alcuni case sono giustificate, occorre capire che creano delle distorsioni e dunque andrebbero riviste.

In particolare, l'Fmi ritiene che sia necessario un sistema fiscale più semplice che consenta di ridurre i costi. Il ministero dell'Economia ha già fatto parecchia strada nell'identificazione e quantificazione delle spese fiscali, cioè delle entrate a cui lo Stato rinuncia per trattamenti fiscali speciali come nel caso delle esenzioni e delle aliquote basse.

Ora servirebbe però una revisione regolare e sistematica di tutte le detrazioni e inoltre le autorità dovrebbero prendere in considerazione delle clausole di scadenza per le detrazioni, in particolar modo per quelle che sono a beneficio di alcuni gruppi. L'Fmi ritiene, infatti, che soltanto nell'ambito del processo annuale di budget possono essere possibili estensioni delle detrazioni esistenti o la garanzia di nuove detrazioni.

Viene poi richiesta particolare attenzione per ciò che concerne l'aggregazione delle detrazioni in quanto le entrate aggregate dall'eliminazione di due vantaggi fiscali potrebbero essere molto diverse da quelle scaturenti dall'eliminazione di ognuna delle due detrazioni separatamente.

Stabilire quanto si risparmia con una revisione delle detrazioni è piuttosto difficile, ma dovrebbe essere una priorità soprattutto per le spese fiscali che sono pienamente quantificate, come per esempio il regime di esenzioni dell'Iva, che sono "poco mirate, coperte da programmi di spesa e distorsive".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail