Trasporto aereo, volano i prezzi dei biglietti: più cari del 14% nel 2013

Istat: prezzi più cari del 22,3% per il "trasporto aereo passeggeri” in Europa.

Prezzi voli cost 2013-2014

Nel 2013 il costo dei biglietti aerei è salito, in controtendenza rispetto alla frenata generale dei prezzi di beni e servizi causata dalla crisi del potere d’acquisto e quindi dei consumi, ormai ridotti al lumicino.

E se il rischio deflazione non pare dietro l’angolo per l’eurozona, così ha rassicurato ieri a Davos il numero uno della Bce Mario Draghi, di certo il comparto del trasporto aereo è uno dei pochi ad aver fatto segnare nell’anno degli incrementi, rispetto alla “gelata” della stragrande maggioranza di prezzi e tariffe.


Secondo i dati diffusi dall'Istat il costo di quello che viene definito il trasporto aereo passeggeri è infatti cresciuto del 13,8% in un anno (dal +4,2% fatto segnare nel 2012 sull’anno precedente).

Se fare un viaggio in aereo nel 2013 è costato in media il 14% in più, ad aumentare maggiormente sono stati i voli europei, con un incremento medio dei prezzi di tutti i biglietti del 22,3% sull’anno prima. Gli aumenti riguardano sì tutto il mondo ma gli effetti più salati in termini di aumenti si sono registrati nel Vecchio continente.

Qual è la causa di questo decollo generalizzato dei prezzi dei biglietti? Gli aumenti su scala globale secono l'Istat sono ascrivibili soprattutto al mutamento di politica commerciale operato dalle compagnie low cost che hanno incrementato i prezzi sulle tratte nazionali, europee ed internazionali. L'andamento dei voli durante l'anno mostra come la dinamica espansiva dei prezzi sia esplosa a ridosso dell'estate per poi bloccarsi a fine 2013.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail